[an error occurred while processing this directive]

Pagina precedente Prossima pagina

Storia della Confraternita prima del 1965, I parte.

Dopo tante vicissitudini, più o meno felici, viene fatto di chiederci: chi provvede ora alla cura del sacro edificio e a promuovere in esso il culto? La risposta è molto semplice: ancora la Confraternita del Santissimo Rosario.

Sorta nel 1575, nel periodo del fervore controriformista che seguì il Concilio di Trento, essa si stabilì prima in San Biagio, presso l'altare dei Borgognoni, per poi passare nella propria chiesa in capo a Borgo da Sera Inferiore (1577) e successivamente in quella attuale (1645).

I "Capitoli, e Costituzioni della venerabile Confraternita del SS.mo Rosario della terra di Cento", editi in Bologna nel 1745, pubblicano il nuovo statuto del sodalizio in sostituzione di quello iniziale del 1583.

La delibera, per addivenire alla riforma, era partita dalla congregazione generale del 13 aprile 1732. Erano stati designati al compito i confratelli dott. don Giuseppe Antonio Donati e Domenico Maria Barbieri, l'arciprete della collegiata di San Biagio Girolamo Baruffaldi e il dott. Giuseppe Cariarli (questi ultimi due non risultano, tuttavia, confratelli).

Il lavoro di revisione doveva essersi compiuto con una certa sollecitudine se già il 6 luglio dell'anno successivo Giovanni Giacomo Millo, vicario generale del card. Prospero Lambertini, arcivescovo di Bologna, addiveniva alla formale approvazione del nuovo statuto.

Una rara copia dello stesso, del tutto irreperibile a Cento, è stata finalmente, rinvenuta alla Biblioteca comunale Ariostea di Ferrara (segn. MF. 102.10) dopo infruttuose ricerche condotte a Bologna presso l'Archivio di Stato, l'Archivio arcivescovile e la Biblioteca dell'Archiginnasio.

Il nuovo statuto settecentesco, articolato in 19 capitoli nitidi e organici, risulta, a un attento esame, estremamente carente per quanto attiene la spiritualità, la formazione, i compiti (prettamente devozionali ed estrinseci).

Pagina precedente Prossima pagina



Copyright © 2009 - Confraternita del Guercino

Valid XHTML 1.0 Transitional 2009 - by Massimo Poli  CSS Valido!