Pagina precedente Prossima pagina

Guida alla Chiesa del Rosario IV parte.

Quarta cappella a sinistra.

Fondata nel 1633, presenta un'ancona delimitata lateralmente da colonne, in cui sono inserite, a mo' di cariatidi, due grandi figure di angeli.

La conclude, in alto, una trabeazione che regge le figure di San Giovannino al centro, e di Santa Caterina d'Alessandria e Santa Caterina da Siena ai lati.
Al suo interno fu collocato, nel 1650, il dipinto del Guercino raffigurante l'Apparizione della Vergine a San Girolamo.

La tela fu requisita dai Francesi nel 1796: due anni più tardi fu esposta al Louvre e successivamente fu trasferita nella chiesa parigina di San Tommaso d'Aquino, dove tuttora si trova.

Una gigantografia con lo stesso tema sostituisce il dipinto originale.

Apparizione della Vergine a San Girolamo Chiesa del Rosario , Cento (FE)
Apparizione della Vergine a San Girolamo

Quinta cappella a sinistra.

E' nota come la "Cappella del Guercino", in quanto l'artista la volle per sè e per la sua famiglia nel 1633, anno in cui, mentre era priore della confraternita, iniziarono i lavori per la costruzione della chiesa.

In questa cappella, a lavori ultimati, fu celebrata la prima messa il 13 giugno 1645.

L'ancona in legno dorato, di chiara fattura seicentesca, è delimitata da colonne tortili, arricchite da ornamenti floreali, che reggono una trabeazione aggettante sulla quale si trovano due angioletti, sotto il cartiglio con Anno Domini 1645.

Affiancano la cimasa con la scritta Pater in manus tuas commendo spiritum meum.

Quinta Cappella Chiesa del Rosario , Cento (FE)
Quinta Cappella

In una tela centinata, al disopra della quale sta scritto Mors cum vita moritur, è raffigurato il tema dcla Crocifissione, dipinto dal Guercino tra il 1644 e il 1645.
In una buia atmosfera temporalesca, la morte in croce è vissuta dal Cristo in un clima controriformato, che allenta il dramma e trasforma il supplizio in accettazione della volontà del Padre.

Intorno alla croce sono le figure di Maria che, nella consapevolezza del destino del figlio, tiene lo sguardo rivolto verso l'alto, di Maddalena inginocchiata in lacrime e di San Giovanni dal volto caratterizzato al punto da far pensare a un autoritratto del Guercino stesso.

La tela subì un'ampia ridipintura ad opera di Benedetto Gennari nel 1706 e un successivo restauro, nel 1867, ad opera del pievese Rizzoli.

Crocefissione ( Guercino ) Chiesa del Rosario , Cento (FE)
Crocefissione ( Guercino )

Nelle tele della volta sono di mano del Guercino la figura centrale del Padre Eterno e le laterali di San Giovanni Battista e San Francesco.

Nelle pareti laterali della cappella, entro nicchie riccamente decorate, nel 1642 sono state collocate le statue in stucco di San Paolo Eremita e Sant'Antonio Abate, opere del bolognese Giovanni Tedeschi (Borgo Panigale 1595 ca. 1645), autore anche della decorazione plastica della cappella insieme con i putti alati dell'imbotte e i due angeli, sopra l'arco d'ingresso, che recano la scritta Mors tua vita mea.

Nicchie del Guercino Quinta Cappella Chiesa del Rosario , Cento (FE)
Nicchie del Guercino Quinta Cappella

Pagina precedente Prossima pagina



Copyright © 2009 - Confraternita del Guercino

Valid XHTML 1.0 Transitional 2009 - by Massimo Poli  CSS Valido!