Pagina precedente Prossima pagina

Profilo artistico storico della Chiesa del Rosario.

La storia della chiesa ha inizio nel 1573 con la costruzione del Rosario Vecchio, il primo edificio sacro dedicato alla Madonna del Rosario nella Diocesi di Bologna, eretto a ridosso dei "rampari", sullo sfondo settentrionale del Borgo da Sera, attuale via Ugo Bassi.

Ricomincia con una chiesa, quella attuale, costruita tra il 1633 e il 1644, meglio rispondente all'aumentato numero dei confratelli e alle esigenze connesse con le loro molteplici attività.

La nuova chiesa viene aperta ufficialmente al pubblico il 13 giugno 1645 con la celebrazione di una Messa ufficiata nella cappella gentilizia del Guercino, che, da confratello. ha partecipato alla progettazione della chiesa.

La facciata, elegante nella sua semplicità, si erge solenne sul porticato a tre portici, sovrastati da altrettante finestre rettangolari, sormontate da timpani curvilinei, come curvilineo è il coronamento del frontone.

Antistante la facciata è la piazza-sagrato, ricavata da impor­tanti interventi urbanistici e delimitata, sul lato sinistro per chi guarda, da un alto muro che nasconde le adiacenze.

A destra la chiesa è separata dall'abitato mediante un 'vicolo" che consente la visione della spoglia parete laterale dell'edificio, arricchita dall' elegante campanile costruito negli anni '50.

Facciata Chiesa del Rosario , Cento (FE)
Facciata della Chiesa del Rosario

L'interno è testimone della semplicità di molta architettura barocca, che non può essere considerata disgiunta dal prezioso corredo di opere d'arte, utili a visualizzare importanti temi teologici della controriforma: dal tema mariano, rappresentato in più di un immagine, a quello della penitenza, espresso nelle figure di San Girolamo e San Giovanni Battista; al tema della Santa Gerusalemme del cielo (sconosciuto al mondo protestante), ampiamente diffuso all'interno dell'aula nei numerosi angeli e nelle immagini mariane; al tema del martirio rappresentato nel primo martire dell' antichità San Giovanni, in una martire di età romana. Santa Lucia, e in età moderna, nei martiri giapponesi, crocifissi nel corso della prima persecuzione del Giappone contro i cristiani, canonizzati da Pio IX nel 1862.

Navata interna Chiesa del Rosario , Cento (FE)
Navata interna della Chiesa del Rosario

Le loro reliquie sono conservate in un cofano ottocentesco, collocato sul VI altare a sinistra.

E' ancora il tema della morte, esemplificato nel transito di San Giuseppe; della visione e dell estasi nei SS. Domenico, Girolamo, Francesco, nella cappella gentilizia del Guercino e nelle due rappresentazioni plastiche di Santa Caterina da Siena e Santa Caterina d Alessandria: dei Santi ausiliatori nelle figure di S. Lucia e della Madonna del Soccorso, venerata come Madonna delle Vittorie.

Santa Caterina da Siena e Santa Caterina di Alessandria Chiesa del Rosario , Cento (FE)
Santa Caterina da Siena e Santa Caterina di Alessandria

Pagina precedente Prossima pagina



Copyright © 2009 - Confraternita del Guercino

Valid XHTML 1.0 Transitional 2009 - by Massimo Poli  CSS Valido!